Seconda avventura nelle Alpi Bernesi in vista del corso guida. Indimenticabili la discesa dell’Agassijoch (couloir di 300m) per raggiungere la più tranquilla vallata del Lauteraar (poco frequentata). Impressionante il crepaccio lungo la salita al Nassihorn (foto), anche se il reto della salita si è svolto senza intoppi particolari. La capanna di Schreckhorn è mabnifica e perfettamente attrezzata per l’inverno (addirittura una scacchiera per tirar notte). Ultimo giorno con 30 cm di polvere discesa diretta a Grindelwald via Ochsenjoch e lungo tunnel che conduce direttamente al ristorante Gletscherschlucht (costruito per svuotare l’eventuale lago effimero sull’Unter Grindelgletscher).

Comments are closed.